L’entusiasmo suscitato dall’uscita di Black Panthers è solo il più recente episodio che rivela quanto la questione della rappresentazione di sé sia cruciale per gli africani e gli oltre 170 milioni di afrodiscendenti nel mondo. Saga futurista ambientata in un paese africano mai colonizzato, prospero e tecnologicamente avanzato, mette in luce l’esigenza di una profonda sintesi culturale per il continente.

Questo articolo è stato pubblicato su: Africa Rivista On Line. Noi vi proponiamo alcuni estratti.

La tecnologia è lo strumento che, per la prima volta, consente ai giovani artisti, creativi e blogger africani di portare questi sforzi di creazione di una nuova immagine di sé di fronte a un’audience globale. Il recente Africa Tech Summit, andato in scena a Kigali il 14-15 febbraio, ha dato la parola ad alcune voci emblematiche di questo processo.

La tecnologia abbassa le barriere per raggiungere una voce globale, un privilegio prima riservato ai grandi gruppi internazionali, creando nuove opportunità di reddito.

La nostra vuole essere solo una WEB Rassegna Missionaria e ci limitiamo alla pubblicazione di alcuni estratti. Il lavoro vero, fatto dagli autori dell’articolo, è giusto leggerlo sul sito per il quale è stato scritto: Africa Rivista On Line