Da Carpi, preghiera del Papa per Colombia, Venezuela, Paraguay e Congo

da

Nell’ambito della nostra rassegna sulle principali notizie delle Testate Missionarie, riprendiamo il testo dal sito News.va sulla preghiera di Papa Francesco per Colombia, Venezuela, Paraguai e Congo.

Colombia, Venezuela, Paraguay e Repubblica Democratica del Congo. Paesi diversi, tragedie, violenze e crisi differenti, ma un unico dolore: quello di Papa Francesco che da Carpi, prima della recita dell’Angelus, ha voluto levare una preghiera senza confini, dall’America Latina all’Africa.

Da una terra ferita dal terremoto, l’Emilia, ad un’altra colpita dalla devastazione della natura, la Colombia. Al termine della Messa celebrata a Carpi, Papa Francesco si dice “profondamente addolorato” per la tragedia che ha colpito la città di Mocoa, nel sud ovest del Paese latinoamericano, dove – ricorda – una “gigantesca valanga di fango” causata dalle intense piogge torrenziali ha provocato oltre 200 morti e diverse centinaia di feriti:

“Prego per le vittime e assicuro la mia e vostra vicinanza a quanti piangono la scomparsa dei propri cari e ringrazio tutti coloro che si stanno adoperando per prestare soccorso”.

È poi “viva” l’attenzione del Pontefice anche per l’aggravarsi delle crisi in Venezuela e Paraguay:

“Prego per quelle popolazioni, a me molto care, e invito tutti a perseverare senza stancarsi, evitando ogni violenza, nella ricerca di soluzioni politiche”.

Lo sguardo del Papa si sposta quindi in Africa, perché – dice – continuano a giungere notizie dalla Repubblica Democratica del Congo, dove sono in corso “sanguinosi scontri armati” nella regione del Kasai, che stanno provocando “vittime e sfollamenti” e che “colpiscono anche persone e proprietà della Chiesa”, edifici di culto, ospedali, scuole:

“Assicuro la mia vicinanza a questa nazione ed esorto tutti a pregare per la pace, affinché i cuori degli artefici di tali crimini non rimangano schiavi dell’odio e della violenza, perché sempre odio e violenza distruggono”.

Copyright: News.va

Credits Foto: News.va

Vuoi ricevere il Cammino Formativo?
Iscriviti alla nostra Newsletter.